AL VILLAGE CON IL GATTO di Marcello Moriondo

A quasi un anno dal grande successo di critica e pubblico e dal Gran premio della Giuria al Festival di Cannes, esce A proposito di Davis (Inside Llewyn Davis) di Joel & Ethan Coen.

L’idea arriva dal libro che Dave Van Ronk ha scritto con Elijah Wald: “The Mayor of MacDougal Street”. Si parla di una particolare epoca della storia della musica folk e della sua ambientazione a New York nel Greenwich Village. Si tratta del periodo di transizione che c’è, secondo Wald, tra Pete Seeger e l’avvento di Bob Dylan.

Non era ancora scoppiato il business discografico per questa particolare musica e gli artisti che si esibivano nelle taverne del Village si barcamenavano come potevano, dormendo magari sul tappeto in casa di amici, come faceva Phil Ochs e lo stesso Wald a casa di Van Ronk o come fa Davis (Oscar Isaac) nel film, oggi qui, domani là. Soprattutto da Jean (Carey Mulligan) e Jim (Justin Timberlake), una coppia alla Paul and Paula. Difficilmente gli artisti di quel periodo riuscivano a vivere solo con la musica, i produttori erano diffidenti, i discografici raramente accoglievano questi personaggi in sala di registrazione. Wald cita alcuni esempi, come quasi unici. Cindy, Oh Cindy, The Banana Boat Song, entrambi incisi dai The Tarriers, gruppo che con Roger Sprung registrò anche Tom Dooley. Poi sappiamo che il successo vero lo ebbero Eddie Fisher con Cindy, Oh Cindy; Harry Belafonte con Banana Boat; The Kingston Trio con Tom Dooley. Altro raro caso di produzione discografica di allora, Le Kossoy Sisters, la cui I’ll Fly Away è nella colonna sonora di Fratello, dove sei? Dei Coen.

È in questo clima che vediamo “galleggiare” Davis. Da una casa all’altra, per il Village alla ricerca di un posto per passare la notte, con un gatto rosso in braccio, rimasto chiuso fuori con lui dalla casa di un amico. Sempre alla ricerca di ospitalità, ma anche alla ricerca di denaro per sopravvivere, e per pagare l’interruzione di gravidanza di Jean.
La sorella gli consiglia di imbarcarsi per guadagnare qualcosa con la marina mercantile, ma la sua anima è legata alla musica. Ascolta i propri long playing invenduti. Assiste a un concerto cui partecipano anche Jean e Jim, per l’occasione a tre voci e chitarra, tipo Peter, Paul and Mary con Five hundred miles di Hedy West, che in Francia e in Italia conosciamo come J’entends siffler le train, cantata da Richard Anthony, ma firmata sul vinile da Jacques Plante. Il suo discografico non scuce un dollaro e non lo fa più incidere. Registra giusto Please, Mr. Kennedy con Jim per sostituire un chitarrista, niente di più.
Decide quindi di andare a Chicago da Grossman, il produttore. L’audizione non è male, ma come spiega Grossman, con questa musica non si campa. L’unica è tornare al village, per un’esibizione che probabilmente sarà l’ultima. Mentre esce dalla caverna, a segnare la fine di un’era, che i tempi stanno cambiando, sale sul palco la silhouette di Bob Dylan che canta, come già avveniva nel finale di The Wanderers di Philip Kaufman.

È un film che affronta il disagio esistenziale di questo artista con un’ironia come solo i fratelli Coen sanno raccontare. La musica, le immagini e l’interpretazione degli attori fanno il resto.

Il gatto rosso è in qualche modo uno dei protagonisti, Vive almeno quattro delle sue nove vite. Gira per le strade di New York, in metropolitana e in auto senza un miagolio. Fugge di casa e rivive nel gatto trovato scambiato per lui. É di nuovo abbandonato su un’auto in compagnia di John Goodman che dorme. Fugge ferito, investito dalla macchina che Davis guida. Torna alla sua casa, da dove era rimasto chiuso fuori, felice nelle braccia di chi vive con lui. Non a caso si chiama Ulisse.
Garrett Hedlund, reduce dal personaggio di Neal Cassady, continua il suo percorso On the Road, guidando da N.Y. Verso Chicago, prima di essere arrestato dalla stradale.
John Goodman è il passeggero dell’auto, pesante, malato, affaticato e rancoroso.
L’album Inside Llewyn Davis, LP invenduto, è ispirato come grafica e titolo a Inside Dave van Ronk. Essendo anche cantante, Isaac interpreta tutti i brani di Davis.Struggente il brano Shoals of Herring di Ewan MacColl che canta a suo padre nell’ospizio.

Oscar Isaac canta diversi brani, accompagnandosi con la chitarra: Hang me, oh hang me; The death of Queen Jane; Dink’s song; Green green Rocky Road; Cocaine; Shoals of herring; Please please Mr. Kennedy, quest’ultima con Justin Timberlake. Carey Mulligan, Timberlake e Stark Sands cantano Five hundred miles . Ci sono anche alcuni pezzi classici, il Requiem di Mozart, la Ballata N° 2 di Chopin, la Sinfonia N° 4 di Mahler, la Pastorale di Beethoven, una Romanza di Schumann. Chiude in bellezza Bob Dylan con Farewell.

Annunci

Un pensiero riguardo “AL VILLAGE CON IL GATTO di Marcello Moriondo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...